61 visitatori online
Home
banner_rr

VERTOVA (BG) – Impresa del campione italiano a cronometro Filippo Ganna sul traguardo del 44° Trofeo Emilio Paganessi. Il piemontese della Aspiratori Otelli Castanese Verbania, all’attacco per buona parte della gara, nel finale ha staccato i tre compagni di fuga, con cui si era avvantaggiato sull’ultima ascesa al Casnigo, e si è presentato tutto solo sull’ultimo traguardo facendo sua anche la classifica finale a punti della 2 Giorni Internazionale Juniores di Vertova.

ganna_paganessi_2014

Secondo posto per il campione nazionale danese Wisly Jonas Greggard (Team Kel-Berg Roskilde Juniores) a 15” e terzo, a 18”, il nazionale kazako Tamirlan Tassymov (Nazionale Kazakistan) a 18” (nella foto Masi/Ciclismo.info, l’arrivo). Alla partenza si schierano 189 corridori e, come ieri, di grandissima qualità è la partecipazione straniera con vari campioni nazionali e continentali che vanno ad arricchire il gruppo con il campione europeo Edoardo Affini ed i due campioni italiani, Davide Plebani, della strada, e Filippo Ganna, della cronometro.

Il percorso oggi è più impegnativo e chiama in causa i passisti scalatori. Fin dai primi chilometri in linea nasce una fuga di 11 uomini che condurranno la corsa per buona parte della giornata. Ne fanno parte i danesi Norsgaard e Greggard (Roskilde), Satlikov e Tassymov (Kazakistan), Curioni (Massì), Haller e Fubnegger (Germania), Ganna (Aspiratori Otelli), Meloni (LVF), Zumerle (Assali Stefen) e il marocchino Galdoune (Bergamasca).Il campione danese Wisly Jonas Greggard scollina per primo al Gpm di Fino del Monte, dietro di lui i kazaki Tamirlan Tassymov e Maxim Satlikov e poi tutti gli altri. Vari tentativi di inseguimento, ma al momento di affrontare la prima salita del Casnigo, dove scollina per primo il tedesco Moritz Fubnegger, il gruppo è compatto alle spalle degli undici battistrada.

Sulla seconda salita di Casnigo, in prossimità del km 100, attaccano in cinque: gli italiani Filippo Ganna (Aspiratori Otelli) e Marco Zumerle (Cipollini Assali Stefen), il tedesco Moritz Fubnegger, il kazako Tamirlan Tassymov e il campione di Danimarca Wisly Jonas Greggard. Su di loro, poco dopo, riescono a riportarsi anche il marocchino Ahmed Amine Galdoune (Bergamasca), Patrick Haller (Germania) e il danese Mathias Norsgaard Jørgensen (Team Kel-Berg Roskilde Juniores). Prima dell'ultima ascesa al Gpm di Casnigo, restano però solamente in quattro a condurre. Zumerle, Greggard, Tassymov e Ganna.

Zumerle vince l’ultimo Gpm, ma poi è sfortunato perché, forse anche per via dell’asfalto reso viscido da un temporale passeggero, scivola a terra e lascia via libera agli altri tre compagni di fuga. È impressionante però il forcing dell’altro danese Jørgensen che riesce a riportarsi sui tre davanti portando la superiorità numerica favorevole al compagno della Roskilde. E sono proprio i due danesi ad alzare il ritmo negli ultimi chilometri, ma il quartetto non si sfalda, anzi, sull’ultima rampa che porta verso il traguardo di Vertova, piazza l’affondo vincente il verbanese Filippo Ganna che conquista una delle vittorie più importanti della sua giovane carriera, ma già ricca di successi.

Complimenti arrivati anche dal C.T. azzurro della categoria Juniores Rino De Candido presente a Vertova in entrambe le giornate al seguito della corsa. “C’erano i due danesi che andavano molto forte – racconta il vincitore Ganna – continuavano a scattare, io e il kazako siamo rimasti tranquilli e poi nel finale sono riuscito a scattare e a trovare la vittoria. Sono molto felice la dedico a tutta la squadra e ai due presidenti che hanno creduto in me!”. Filippo Ganna, grazie al successo odierno, ha vinto anche la classifica finale a punti della 2 Giorni Internazionale Juniores di Vertova.

Il miglior giovane è il danese Mathias Norsgaard Jørgensen (Team Kel-Berg Roskilde Juniores). L’altro danese e suo compagno di squadra Wisly Jonas Greggard ha vinto la classifica dei Gpm, mentre il tedesco Patrick Haller ha fatto sua la classifica finale dei traguardi volanti.

(si ringrazia Giorgio Torre di bicibg (www.bicibg.it) per il testo, il video e le foto.)